Strategia di Backup 3-2-1 per Freelance

Se sei un freelance o un/una professionista indipendente, non c’è dubbio che proteggere i tuoi dati con una strategia di backup adeguata debba essere una tua priorità. Dalla fatturazione dei clienti ai contratti, dai lavori in corso a tutti i calcoli e le misurazioni per portare avanti i progetti futuri, ogni bit di informazione conta. Ma hai mai pensato a cosa succederebbe se un giorno tutti questi dati preziosi scomparissero improvvisamente?

È qui che entra in gioco una strategia di backup.

Cosa è un backup? In termini semplici, un backup è una copia dei tuoi dati memorizzati in un luogo sicuro. Se perdi i tuoi dati originali a causa di un guasto hardware, un errore umano, un attacco malware o un disastro naturale (e ultimamente di eventi ne abbiamo avuti fin troppi), avrai una copia di backup a cui rivolgerti per il ripristino dei dati.

Ora, potresti chiederti: “Perché fare i backup? Non è sufficiente salvare i file sul mio computer o su una chiavetta USB?”. In realtà, anche se questi metodi possono offrire un certo livello di protezione, non sono sufficienti. La perdita di dati può essere catastrofica, soprattutto per i freelance e le piccole aziende. Ecco perché una solida strategia di backup è fondamentale.

Una strategia di backup va oltre la semplice creazione di copie dei tuoi dati. Invece, prevede un piano completo su come, quando e dove i backup devono essere eseguiti per garantire la massima protezione. Che numero di backup prevedi? Saranno backup automatici o manuali?

Nel post di oggi daremo risposta a tutte queste domande e non solo, discuteremo l’importanza di una strategia di backup, esploreremo il principio 3-2-1 per i backup e ti mostreremo come puoi implementare questa strategia a tre copie dei dati in modo infallibile.

Non aspettare di perdere i tuoi dati per capire l’importanza di una strategia di backup: continua a leggere per scoprire come proteggere il tuo lavoro da oggi.

Perché ogni Freelance ha bisogno di avere una strategia di backup di dati?

Protezione contro la perdita di dati

Non importa quanta attenzione si presti alla cura dei propri dispositivi e dei propri dati, la perdita di dati è un rischio sempre presente. Può essere causata da una serie di fattori, dai guasti hardware, come un hard disk che si guasta, agli attacchi di malware che possono criptare o cancellare i tuoi dati.

Inoltre, gli errori umani, come l’eliminazione accidentale di file o cartelle importanti, sono più comuni di quanto si possa pensare. E non dimentichiamo i disastri naturali – un incendio, un’inondazione, o anche un fulmine, possono distruggere i tuoi dati in un attimo.

Un semplice backup su una chiavetta USB o su un altro dispositivo locale potrebbe non essere sufficiente. Questi dispositivi sono anch’essi soggetti a guasti e possono essere facilmente persi o rubati. Inoltre, le chiavette USB sono particolarmente vulnerabili ai danni fisici e all’usura. Basta tenerle in tasca o in una borsa per rischiare di rovinarle catastroficamente a causa delle correnti statiche. E se la tua unica copia di backup è danneggiata o persa, è come se non avessi fatto il backup.

Protezione contro la perdita di dati

Recupero da errori

Ogni professionista sa che gli errori possono succedere. Puoi cancellare per sbaglio un file importante, sovrascrivere un documento con una versione errata, o incorrere in un bug software che corrompe i tuoi dati. Una strategia di backup ben progettata ti permette di “annullare” queste situazioni, ripristinando i tuoi dati alla loro condizione pre-errore. Senza un backup, potresti perdere ore di lavoro o, peggio, i dati di un intero progetto. E anche le tue strategie per essere più produttivo/a rischiano di perdere efficacia.

Mantenere la continuità del business

Per i freelance, i dati non sono solo file su un computer: sono il tuo lavoro, il tuo reddito e la tua reputazione. Perdendo questi dati, non solo perdi le informazioni in essi contenute, ma rischi anche di perdere la fiducia dei tuoi clienti e di interrompere la tua attività. Una buona strategia di backup è essenziale per garantire la continuità del business, permettendoti di riprendere rapidamente il lavoro dopo un incidente.

Invece di affidarti a soluzioni di backup fragili e poco sicure, come le chiavette USB, è tempo di considerare un approccio più robusto e affidabile alla protezione dei dati: il principio 3-2-1. Questa è una strategia di backup collaudata che può proteggere i tuoi dati da qualsiasi tipo di perdita. Scopriamo come funziona.

Creare una strategia di backup adeguata: il Principio 3-2-1

Il principio 3-2-1 è una strategia di backup consigliata dagli esperti IT che fornisce un alto livello di protezione dei dati. Il concetto è semplice:

  • Avere almeno 3 copie totali dei tuoi dati: l’originale e due backup.
  • Conservare i backup su 2 tipi diversi di supporti (ad esempio, su un disco rigido esterno e in un servizio di cloud storage).
  • Conservare 1 di questi backup in una posizione offsite, ovvero in un luogo fisicamente separato da dove si trova il tuo computer. Questo è per proteggere i tuoi dati da disastri locali, come incendi o inondazioni.

La bellezza di questa strategia sta nella sua semplicità e nella sua efficacia. Aumenta notevolmente la tua resilienza alla perdita di dati, proteggendoti da una vasta gamma di rischi.

Strategie di backup

Strategia di Backup 3-2-1: come implementare in modo corretto il piano di backup dei dati

Ora che comprendiamo il principio 3-2-1, vediamo come puoi implementare questa strategia di backup nella tua attività di freelance.

Identificare cosa proteggere

Il primo passo nella creazione di una strategia di backup è identificare quali dati devi proteggere. Questi potrebbero includere documenti di lavoro, file di progetti, e-mail, database clienti, fatture e qualsiasi altro tipo di dato che sarebbe difficile o impossibile da sostituire.

Scegliere il tipo di backup

Esistono diversi tipi di backup che potresti considerare, a seconda delle tue esigenze:

  • Backup completo: Questo tipo di backup crea una copia di tutti i dati che hai selezionato per il backup. È il tipo di backup più completo, ma richiede anche più spazio di archiviazione e tempo per essere completato.
  • Backup incrementale: Questo tipo di backup crea una copia solo dei dati che sono cambiati dall’ultimo backup. Risparmia spazio e tempo, ma richiede più tempo per il ripristino poiché devi ripristinare il backup completo e tutti i backup incrementali successivi. Necessita del backup completo per poter funzionare, quindi la tua strategia di conservazione dei backup deve essere perfetta.
  • Backup differenziale: Questo tipo di backup crea una copia dei dati che sono cambiati dall’ultimo backup completo. Richiede più spazio di archiviazione rispetto al backup incrementale, ma meno tempo per il ripristino. Richiede comunque il backup completo.

Puoi scegliere il tipo di backup che meglio si adatta alle tue esigenze in termini di velocità, spazio di archiviazione e capacità di ripristino.

Selezionare lo Storage di Backup

Per il principio 3-2-1, avrai bisogno di almeno due tipi diversi di storage per i tuoi backup. Un’opzione potrebbe essere un disco rigido esterno, che offre un ampio spazio di archiviazione e un accesso rapido ai dati. Ma come abbiamo discusso, i supporti fisici come dischi rigidi o chiavette USB possono essere facilmente danneggiati o persi.

Ecco perché la seconda opzione dovrebbe essere un servizio di backup online sul cloud, come Backblaze. Questi servizi memorizzano i tuoi dati in data center sicuri, proteggendoli da guasti hardware locali e disastri naturali. Offrono anche una protezione continua dei dati, il che significa che i tuoi dati vengono backuppati automaticamente ogni volta che apporti una modifica.

Creare una pianificazione di backup

Una volta deciso cosa, come e dove fare il backup, il passo successivo è decidere quando fare il backup. Idealmente, dovresti pianificare i backup affinché avvengano automaticamente durante i periodi di inattività, per minimizzare l’impatto sulle prestazioni del tuo sistema.

La frequenza del backup dipenderà dalla rapidità con cui i tuoi dati cambiano. Se lavori su progetti che variano rapidamente, potresti voler fare il backup più volte al giorno. Al contrario, se i tuoi dati non cambiano frequentemente, un backup giornaliero o settimanale potrebbe essere sufficiente.

Verificare e testare i backup

Infine, è importante non dimenticare di verificare e testare regolarmente i tuoi backup. Questo significa controllare che i backup vengano eseguiti correttamente e provare a ripristinare i dati da un backup per assicurarti che il processo di ripristino funzioni come previsto.

Ricorda, un backup non verificato corrisponde a non avere un backup. Non si tratta semplicemente di ridondanza dei dati, la tua sicurezza non è completa se ti limiti a “fare backup” ogni tanto. I supporti devono funzionare, essere pronti per il ripristino, se vuoi garantirti di poter accedere ai dati quando servono.

Implementando questa strategia di controllo, ti assicura che i tuoi dati – e di conseguenza tutto il tuo business freelance – siano ben protetti contro qualsiasi evenienza. Non importa cosa accada, avrai la tranquillità di sapere che i tuoi dati sono al sicuro.

Strategia di backup

A cosa serve il backup Time Machine del Mac e perché non è sufficiente come tipo di backup?

Apple offre una soluzione di backup integrata, si chiama Time Machine. Molti utenti Mac la trovano estremamente utile. Time Machine è semplice da usare e può automatizzare il processo di backup, assicurandosi che i tuoi dati siano regolarmente salvati su un disco esterno. Tuttavia, come ogni soluzione di backup locale, Time Machine ha i suoi limiti.

Sebbene Time Machine sia un ottimo punto di partenza, non è sufficiente a garantire la sicurezza dei tuoi dati in ogni situazione. Il problema principale è che sia il tuo Mac che il disco di backup di Time Machine si trovano nello stesso luogo fisico. Ciò significa che se succede qualcosa alla tua abitazione o al tuo ufficio, come un incendio, un’inondazione o un furto, sia il tuo computer che il backup possono essere persi simultaneamente.

Inoltre, anche se Time Machine crea versioni multiple dei tuoi file, queste versioni esistono tutte sullo stesso disco di backup. Se il disco fallisce, tutte le versioni dei tuoi file vengono perse.

Ecco perché gli esperti IT raccomandano di seguire la strategia di backup 3-2-1, anche se stai già utilizzando Time Machine. Oltre al tuo backup Time Machine, dovresti avere un’altra copia dei tuoi dati su un tipo diverso di media, ad esempio un servizio di backup online sul cloud come Backblaze. Questo ti permette di avere una copia offsite dei tuoi dati, proteggendoli da disastri locali e guasti hardware.

Quindi, mentre Time Machine è un componente prezioso di una strategia di backup, non dovrebbe essere l’unica linea di difesa. Combinando Time Machine con altri metodi di cloud backup, puoi implementare una strategia di backup 3-2-1 completa, offrendo una protezione dei dati robusta e sicura.

Proteggi i tuoi dati con soluzioni di Network Attached Storage (NAS)

Un’altra opzione di storage per il backup che dovresti considerare è il Network Attached Storage (NAS). Questi dispositivi sono dei mini server che permettono di condividere e archiviare dati all’interno della tua rete domestica o aziendale. Sono estremamente versatili e possono servire a vari scopi, dallo streaming di media all’hosting di un cloud personale, dove memorizzare file e documenti da condividere con i colleghi.

Un NAS può essere un’ottima scelta per un backup locale nell’ambito della strategia 3-2-1. Oltre a fornire ampio spazio di archiviazione, molti NAS offrono funzionalità di backup automatizzate e la possibilità di replicare i dati su più dischi o addirittura sul Cloud, aumentando la protezione contro i guasti hardware.

Ecco una lista delle soluzioni NAS più popolari nel 2023:

  1. Synology DiskStation DS220+: Questo NAS a due vani offre una combinazione eccellente di velocità, funzionalità e affidabilità. È facile da usare grazie al sistema operativo DiskStation Manager di Synology e supporta RAID 0, 1, JBOD e Synology Hybrid RAID per la protezione dei dati.
  2. QNAP TS-451D2: Questo NAS a quattro vani è dotato di un potente processore Intel e supporta la codifica hardware e la trasmissione di video 4K. È adatto per gli utenti avanzati grazie alle sue numerose funzionalità e opzioni di personalizzazione.
  3. Asustor Lockerstor 2 AS6602T: Questo NAS a due vani offre un’ottima velocità e una vasta gamma di funzionalità. Include anche un HDMI 2.0a per la riproduzione diretta di contenuti 4K.
  4. TerraMaster F2-221: Questo NAS economico a due vani offre un’ottima capacità di storage per il prezzo. Supporta il RAID e ha un’interfaccia utente intuitiva, rendendolo un’ottima scelta per i principianti.
  5. WD My Cloud EX2 Ultra: Questo NAS user-friendly a due vani è un’ottima scelta per chi cerca un dispositivo semplice e affidabile. Include alcune funzionalità di backup e sincronizzazione integrate e offre un’ottima velocità.

Ricorda che, anche se un NAS può essere un componente prezioso della tua strategia di backup, non dovrebbe essere l’unico. Come abbiamo detto, il backup locale è vulnerabile a disastri locali e guasti hardware. Per garantire la sicurezza dei tuoi dati, dovresti combinare il NAS con un servizio di backup online sul cloud, come Backblaze, per avere una copia offsite dei tuoi dati.

Copie di backup

Come Recuperare i Dati da un Backup

Ora che abbiamo discusso su come creare una strategia di backup efficace, è importante parlare anche del recupero dei dati. Dopo tutto, il motivo per cui fai il backup dei tuoi dati è per essere in grado di recuperarli quando ne hai bisogno.

Recupero da un NAS o un disco rigido esterno

Se stai recuperando i dati da un NAS o da un disco rigido esterno, il processo di recupero dipenderà dal sistema che hai utilizzato per fare il backup. Se hai utilizzato il software fornito con il NAS o il disco rigido, dovrai seguire le istruzioni specifiche per quel software.

Invece, se hai utilizzato Time Machine su un Mac, puoi recuperare i dati direttamente dall’applicazione Time Machine. Basta avviarla, navigare fino alla data del backup da cui vuoi recuperare, selezionare i file o le cartelle e fare clic su “Restore”.

Recupero da un servizio di backup online sul cloud

Se stai recuperando i dati da un servizio di backup online sul cloud come Backblaze, il processo di recupero sarà leggermente diverso. In genere, dovrai accedere al tuo account online, navigare fino al backup di tuo interesse, selezionare i file o le cartelle da recuperare e scaricarli.

Il volume di dati ti preoccupa? Ti capisco, ma se parliamo di dati importanti, la loro perdita potrebbe avere un costo che – te lo dico in modo schietto – potresti non poter mai recuperare. Ho visto addirittura studi di avvocati finire a gambe all’aria per aver sottovalutato il problema della perdita dei dati dei clienti.

Ecco perché alcuni servizi di backup online, tra cui Backblaze, offrono anche l’opzione di inviarti un disco rigido con i tuoi dati, che può essere la più veloce se stai recuperando una grande quantità di informazioni.

Ogni strategia di backup è necessaria, questo lo hai capito, ma quando hai grandi quantità di dati da proteggere è fondamentale considerare ogni singolo possibilità e guardare sempre al momento in cui dovrai ripristinarli.

Sistemi di backup dati

Metti al sicuro i dati con una combinazione di backup fisico e cloud: è questa la strategia migliore per fare il backup

Per concludere, una strategia di backup basata sul principio 3-2-1 è essenziale per qualsiasi freelance o professionista che voglia proteggere i propri dati. Che tu scelga di utilizzare un disco rigido esterno, un NAS o un servizio di backup online sul cloud, l’importante è avere almeno tre copie dei tuoi dati, su due tipi diversi di media, con almeno una copia in un luogo offsite.

So che può sembrarti troppo, ma voglio farti un esempio, uno degli ultimi che mi è capitato. Uno studio importante (non ti dirò per privacy nome o professione) in pieno centro a Faenza, si è ritrovato nel mezzo del disastro dell’alluvione (immagino ne avrai sentito parlare di questo evento). Avevano tutti i computer al primo piano, ma i server con i documenti, e tutti i backup, erano al piano interrato, che si è riempito d’acqua.

Avevano server di ottima qualità, un sistema di backup perfetto e funzionale, che manteneva allineati tutti i documenti e li salvava in tempo reale in più posizioni, ma erano tutte nel piano interrato. Ora quei server sono sotto un metro di fango, ormai secco.

Come diavolo faranno a ripartire? Ecco perché i dati su server non possono essere sempre nella stessa posizione fisica dei tuoi backup, ed ecco perché la strategie 3-2-1 è l’unico metodo di backup capace di garantire il ripristino dietro qualunque situazione.

Ricorda, i tuoi dati sono il cuore della tua attività freelance. Proteggili con una strategia di backup efficace, e non dovrai mai preoccuparti di perderli. E un giorno, magari, mi ringrazierai per averti stimolato abbastanza per convincerti a creare backup robusti e ridondati, pronti a proteggerti da ogni evenienza.

Articoli simili