Come fare una scelta e prendere una decisione importante

Essere freelance in questo mondo frenetico significa affrontare continuamente bivi cruciali: come fare una scelta che influenzerà non solo il nostro futuro professionale, ma anche il nostro benessere personale? Prendiamo decisioni ogni giorno: dalle più banali, come organizzare il nostro tempo, alle più impegnative, come scegliere un nuovo software o accettare un progetto. Il processo decisionale è un filo conduttore che attraversa ogni aspetto della nostra vita.

Scegliere con saggezza e prendere la decisione giusta non è sempre un compito semplice. Viviamo in un’epoca in cui siamo sommersi da informazioni, spesso anche contraddittorie. È facile sentirsi sopraffatti dall’analisi, quasi paralizzati, pervasi dai dubbi e dall’ansia di fare la scelta sbagliata.

Ti suona familiare? Immagino di sì.

Anch’io, come te, ho attraversato momenti di incertezza e paura di fronte a delle scelte che sapevo avrebbero impattato sulla mia vita. Ma, vuoi sapere una cosa? Prendere decisioni non deve essere un processo così stressante. Esiste un metodo – davvero utile – che può guidarti attraverso il mare delle possibilità, permettendoti di prendere qualunque decisione in modo sensato. Per rendere il tutto ancora più pratico, ti mostrerò come creare una semplice matrice decisionale ponderata, uno strumento che può davvero fare la differenza nel tuo processo decisionale.

Quindi, prenditi un momento, fai un respiro profondo e accompagnami in questo viaggio per scoprire come fare una scelta che possa portarti verso la crescita e il successo.

Come fare una scelta: il processo psicologico

Prima di immergerci in tecniche e strumenti specifici per prendere decisioni migliori, è fondamentale comprendere i meccanismi psicologici che influenzano il modo in cui facciamo le nostre scelte.

Credimi, capire come prendere una decisione è un’abilità fondamentale per il tuo successo. Quindi, bando alle ciance ed entriamo subito nel vivo del discorso.

Come fare una scelta

Il cervello e le decisioni

Il nostro cervello è progettato per elaborare una quantità immensa di informazioni e prendere decisioni in modo efficiente. Tuttavia, spesso comporta l’uso di scorciatoie cognitive, conosciute come euristiche. Le euristiche sono regole generali che il nostro cervello utilizza per semplificare la presa di decisioni in situazioni complesse.

Puoi vederle come il metodo che la nostra mente utilizza per risparmiare energia.

Questi processi mentali automatici sono dunque fondamentali: ci aiutano a navigare attraverso la vita quotidiana senza dover analizzare ogni singola scelta in modo troppo dettagliato. Anche perché sarebbe semplicemente impraticabile dato il numero di decisioni che dobbiamo prendere ogni giorno.

Tuttavia, nonostante la loro utilità, le euristiche possono anche avere un rovescio della medaglia: portare a errori di giudizio o distorsioni cognitive. Ad esempio, potremmo trovarci a dare un peso eccessivo alle informazioni più recenti o facilmente disponibili, piuttosto che considerare tutte le informazioni rilevanti. Oppure, potremmo affidarci troppo a esperienze passate, senza considerare adeguatamente le peculiarità della situazione attuale.

Questi errori di giudizio possono indurre a fare delle scelte meno ottimali e, in alcuni casi, a conseguenze indesiderate. Pertanto, pur essendo consapevoli dell’utilità delle euristiche nel facilitare il nostro processo decisionale quotidiano, è importante riconoscere anche i loro limiti e cercare di mitigare gli effetti negativi, attraverso approcci più riflessivi e ponderati. Specialmente quando siamo di fronte a decisioni importanti o complesse.

Fattori psicologici che Influenzano le decisioni

Sono tanti i fattori psicologici che entrano in ballo quando siamo di fronte a decisioni da prendere. Alcuni di questi includono le emozioni, le credenze, le esperienze passate e persino le influenze sociali. 

  • Eccesso di analisi (Overthinking) – spesso, quando si tratta di prendere decisioni importanti, tendiamo a pensare e ripensare a tutte le possibili opzioni e conseguenze. Questo può portare a un’eccessiva analisi delle situazioni, rendendoci incapaci di fare una scelta definitiva.
  • Paralisi da analisi – strettamente correlata all’eccesso di analisi, la paralisi da analisi si verifica quando siamo così sopraffatti dalle opzioni disponibili e dal timore delle conseguenze negative che ci ritroviamo bloccati, incapaci di fare ogni scelta.
  • Bias di conferma – tendiamo a cercare, interpretare e ricordare le informazioni in modo che confermino le nostre credenze e aspettative preesistenti. Di conseguenza, questo approccio può portarci a ignorare le informazioni importanti e a prendere decisioni sbagliate.
  • Eccessiva autostima – a volte, possiamo sovrastimare le nostre capacità, o sottovalutare i rischi associati a una particolare scelta, e finire per prendere decisioni avventate. Sapevamo che era lo scenario peggiore, ma ci siamo lasciati trasportare dalla nostra autostima.
Prendere una decisione

Superare gli ostacoli psicologici per fare una scelta migliore

Conoscere i fattori psicologici è il primo passo per superarli. Ecco alcuni suggerimenti che possono aiutarti ad affrontare questi ostacoli psicologici e prendere decisioni migliori:

  • Fermarsi e riflettere – prenditi un momento per fermarti e riflettere prima di prendere una decisione. Questo può aiutarti a evitare scelte impulsive e a considerare tutte le opzioni disponibili, con impatti sul medio e lungo termine.
  • Considerare diverse prospettive – cerca di vedere la situazione da punti di vista diversi può aiutarti a superare il bias di conferma e a prendere decisioni più equilibrate.
  • Pesare i pro e i contro – fare un elenco dei pro e dei contro di ogni opzione può aiutarti a valutare la possibile scelta in modo più oggettivo, riducendo il rischio di dover poi tornare sui tuoi passi.
  • Non temere di fare errori – gli errori sono parte del processo di apprendimento. Come ha detto Winston Churchill “Il successo è andare da un fallimento all’altro senza perdere entusiasmo“. Capiterà, cerchiamo di far si che imparare a prendere una decisione non sia sempre creare disastri!

Anzi, giusto per evitare scelte che possono avere conseguenze spiacevoli, introduciamo subito il metodo della matrice decisionale ponderata.

Come prendere una decisione con la matrice decisionale ponderata e fare scelte migliori

Dopo aver compreso i fattori psicologici che influenzano il processo decisionale, è ora di imparare un metodo pratico che può aiutarti a prendere decisioni migliori: la matrice decisionale ponderata.

Cos’è una matrice decisionale ponderata?

La matrice decisionale ponderata, nota anche come matrice di valutazione ponderata, è uno strumento utilizzato per prendere decisioni basate su criteri multipli. Questa matrice aiuta a valutare e confrontare le diverse opzioni disponibili in base a criteri specifici, assegnando un peso a ciascun criterio in base alla sua importanza.

In parole povere, la matrice decisionale ti consente di fare chiarezza tra tutte le opzioni possibili, per prendere una decisione più informata e consapevole.

Come creare una matrice decisionale ponderata

La creazione di una matrice decisionale ponderata consente di analizzare e confrontare le varie opzioni in gioco e di fare una scelta più soddisfacente. Già, ma come funziona?

Ecco, passo dopo passo come creare questa matrice:

  • Elenca tutte le opzioni possibili – prima di tutto, è importante elencare tutte le opzioni che stai considerando, per vedere ciò che è disponibile e non trascurare alcun dettaglio importante.
  • Elenca i criteri importanti – successivamente, segna tutti i criteri importanti che influenzeranno la tua decisione. Ad esempio, aspetti come il costo, il tempo richiesto, l’impatto sulla tua carriera, ecc.
  • Assegna un peso a ogni criterio – i criteri presi in esame potrebbero non avere la stessa importanza. Ad esempio, il costo potrebbe essere più importante per te rispetto al tempo richiesto. Dunque, puoi usare una scala da 1 a 10, dove 10 è il più importante, e assegnare un peso decisionale a ogni criterio.
  • Valuta le opzioni per ogni criterio – ora, considera ogni opzione in base ai criteri e assegna un punteggio. Ad esempio, se il costo è un criterio, e un’opzione è meno costosa rispetto alle altre, potresti assegnarle un punteggio più alto.
  • Moltiplica il punteggio per il peso del criterio – moltiplica il punteggio assegnato a ogni opzione per il peso del criterio corrispondente. Questo ti darà un punteggio ponderato per ogni opzione.
  • Somma i punteggi di ogni opzione – fai la somma dei punteggi ponderati di tutte le opzioni per ottenere il valore totale.
  • Valuta i risultati e prendi una decisione – esamina i punteggi totali di ogni opzione. Quella con il punteggio più alto è teoricamente la migliore, ma prenditi un momento per riflettere e considerare se sia realmente la più giusta per te.

Ricorda che la matrice decisionale ponderata è uno strumento e non una soluzione definitiva. Può aiutarti a organizzare e quantificare i tuoi pensieri, ma la decisione finale dovrebbe anche tenere conto di altri fattori, che potrebbero non essere facilmente quantificabili.

Fare una scelta con matrice decisionale ponderata

Esempio concreto di matrice decisionale ponderata

Ora che sai come creare una matrice decisionale ponderata, vediamo un esempio concreto di come applicarla nella vita reale.

Supponiamo che tu sia un/una freelance e stia considerando diverse opzioni per il tuo prossimo progetto. Sei costretto/a a scegliere perché hai un tempo limitato, perciò non puoi concluderli tutti. Hai tre opzioni:

  1. Un progetto di web design per un cliente locale.
  2. Un progetto di marketing online per un cliente internazionale.
  3. Un progetto di sviluppo di contenuti per un blog di crescita personale.

I criteri importanti per la tua decisione sono:

  1. Guadagno (40%)
  2. Interesse per il Progetto (30%)
  3. Potenziale di Crescita Professionale (20%)
  4. Flessibilità del Tempo (10%)

Ora, valutiamo ogni opzione in base a ogni criterio e assegnamo un punteggio su una scala da 1 a 10, dove 10 è il migliore.

 Guadagno (40%)Interesse per il Progetto (30%)Potenziale di Crescita Professionale (20%)Flessibilità del Tempo (10%)Punteggio Totale
Progetto Web Design8 (32)7 (21)6 (12)5 (5)70
Progetto Marketing7 (28)8 (24)7 (14)6 (6)72
Progetto Contenuti6 (24)9 (27)8 (16)7 (7)74

Dalla tabella, possiamo vedere che il “Progetto Contenuti” ha il punteggio totale più alto (74), seguito dal “Progetto Marketing” (72) e dal “Progetto Web Design” (70).

Pertanto, basandoti sulla matrice decisionale ponderata, il “Progetto Contenuti” sembrerebbe essere la scelta migliore. Tuttavia, è sempre importante riflettere e considerare se questa opzione è realmente la migliore per te, tenendo conto di tutti gli altri fattori che potrebbero non essere stati considerati nella matrice. Come vedi il “peso” che dai a ogni progetto influenza notevolmente le variabili in gioco, per cui sii pronto/a e cerca di essere sincero/a con te stesso/a e i tuoi reali interessi.

Fare la scelta giusta: qual è il corso di formazione migliore?

Proseguiamo con un altro esempio. Supponiamo che tu sia un/una freelance e desideri espandere le tue competenze sull’intelligenza artificiale. Hai individuato tre corsi che ti interessano:

  1. Corso di Intelligenza Artificiale presso un’università locale.
  2. Corso online di Intelligenza Artificiale su Coursera.
  3. Corso di Intelligenza Artificiale in un’accademia tecnologica come la nostra.

I criteri importanti per la tua decisione sono:

  1. Costo (30%)
  2. Contenuto del Corso (40%)
  3. Flessibilità del Tempo (20%)
  4. Riconoscimento Professionale (10%)

Ora, valutiamo ogni opzione in base a ogni criterio e assegniamo un punteggio su una scala da 1 a 10, dove 10 è il migliore.

 Costo (30%)Contenuto del Corso (40%)Flessibilità del Tempo (20%)Riconoscimento Professionale (10%)Punteggio Totale
Corso Università Locale5 (15)8 (32)4 (8)9 (9)64
Corso Coursera7 (21)7 (28)8 (16)8 (8)73
Corso Accademia Tecnologica6 (18)9 (36)8 (16)6 (6)76

Dalla tabella, possiamo vedere che il “Corso Accademia Tecnologica” ha il punteggio totale più alto (76), seguito dal “Corso Coursera” (73) e dal “Corso Università Locale” (64).

Pertanto, basandoti sulla matrice decisionale il “Corso Accademia Tecnologica” sembrerebbe essere la scelta migliore. Sono solo esempi, ma credo ti siano sufficienti per implementare questa matrice per fare la scelta giusta in altri ambiti. Ad esempio, valutare l’acquisto di un software, di uno scooter o considerare l’iscrizione a un workshop, ecc.

Consigli per fare una scelta e prendere decisioni migliori

Anche se la matrice decisionale ponderata è uno strumento eccellente per aiutarti a prendere decisioni più oggettive e consapevoli, ma non è una soluzione infallibile a prescindere. È sempre essenziale riflettere sul peso che dai alle opzioni e su quali siano effettivamente le migliori per te. Porta la matrice su un foglio di calcolo, e non limitarti a pochi fattori.

Ecco alcuni consigli aggiuntivi per aiutarti a prendere decisioni migliori:

  • considera l’impatto a lungo termine – mentre la matrice decisionale ponderata ti aiuta a valutare le opzioni basate su criteri specifici, è importante anche considerare l’impatto a lungo termine delle tue decisioni.
  • ascolta il tuo istinto – anche se è importante essere il più oggettivi possibile, il tuo istinto può fornire intuizioni preziose. Se percepisci che una particolare opzione sia la migliore, anche se non ha il punteggio più alto nella matrice, potrebbe essere utile esplorare ulteriormente questa sensazione.
  • consulta persone di fiducia – parla con qualcuno che potrebbe avere una prospettiva diversa o una specifica esperienza in merito alla decisione che devi prendere. È un approccio che può offrire consigli preziosi e aiutarti a vedere le cose da un’angolazione diversa.
  • non rimandarela procrastinazione può rendere le decisioni ancora più difficili. Una volta che hai valutato tutte le opzioni, è importante prendere una decisione e agire.
  • sii flessibile – anche se hai preso una decisione, le cose possono sempre cambiare e potresti scoprire che una scelta fatta a suo tempo, oggi non è più la migliore opzione per te.
Come prendere una decisione importante

Conclusione: diventa un maestro delle decisioni

Sviluppare la capacità di prendere decisioni, specialmente quelle che influenzano notevolmente la nostra vita personale e professionale, può essere un compito arduo. Tuttavia, come abbiamo visto, strumenti come la matrice decisionale ponderata possono rendere il processo molto più gestibile e oggettivo.

Nonostante l’utilità di questi strumenti, è essenziale considerare anche altri fattori come l’impatto a lungo termine delle tue decisioni, il tuo istinto e i consigli di altre persone. Non aver paura di adattare le tue decisioni, se le circostanze cambiano. La flessibilità è una chiave per il successo in un mondo in continuo cambiamento.

Infine, ricorda che prendere decisioni è un’abilità che può essere migliorata con la pratica. Quindi, non essere troppo severo/a con te stesso/a se non fai sempre la scelta giusta. Impara dai tuoi errori e utilizza queste esperienze per sviluppare un processo decisionale migliore in futuro.

Rifletti su come fare una scelta, valuta le opzioni, prendi una decisione informata e poi agisci. Con il tempo, diventerai più sicuro/a delle tue decisioni e sarai in grado di navigare nel complesso mondo dei freelance, con meno stress e maggiore sicurezza. Se vuoi dare le giuste priorità alle attività da svolgere, allora prosegui la lettura e scopri il metodo ABCDE.

Articoli simili